Venerdì, 12 Giugno 2020 09:21

ACCOLTE ANCHE IN CONSIGLIO DI STATO LE NOSTRE ISTANZE SUL RICONOSCIMENTO DEL TITOLO ESTERO. PARTE LA CAMPAGNA SUL CONCORSO STRAORDINARIO PER COLORO CHE NON HANNO ANCORA OTTENUTO IL RICONOSCIMENTO.

Pubblicato in News

Anche il Consiglio di Stato riconosce la validità del percorso svolto in Romania ai fini del riconoscimento del titolo abilitante all’insegnamento. Dopo l'accoglimento del Tar con sentenza sulle istanze cautelari proposte anche il Consiglio di Stato conferma le tesi proposte nella campagna legale dell'Avvocato Michele Bonetti, founder dello studio Legale Bonetti Delia.

Con la pronuncia cautelare emessa a seguito dell’udienza dell’11 giugno 2020, il massimo organo della Giustizia Amministrativa ha confermato il proprio precedente orientamento, nonché le tesi sul titolo estero dell'Avv. Michele Bonetti, sulla vicenda riguardante il riconoscimento del titolo di abilitazione all’insegnamento conseguito all’estero, nello specifico in Romania.

Il G.A. in particolare statuisce come non vi siano elementi, addotti nelle difese della Amministrazione, idonei a mutare il proprio indirizzo sulla questione, affermando la illegittimità del diniego al riconoscimento “a fronte della sussistenza sia del titolo di studio richiesto, la laurea conseguita in Romania (ex sé rilevante, senza necessità di mutuo riconoscimento reciproco), sia della qualificazione abilitante all’insegnamento, conseguita presso un paese europeo”.

Altresì il provvedimento in questione, sospendendo il diniego al riconoscimento, ha ammesso espressamente la prevalenza, tra gli interessi coinvolti, della garanzia della partecipazione dei docenti coinvolti alle imminenti procedure concorsuali bandite dal Ministero, tra cui il concorso straordinario per cui lo studio legale sta intraprendendo una nuova battaglia.

L’Avv. Michele Bonetti ha commentato che “finalmente i nostri ricorrenti, tutti docenti che si erano visti ingiustamente respingere l’istanza di riconoscimento del titolo estero, potranno prendere parte alla futura procedura concorsuale”.

Lo studio legale propone plurime azioni, rinvenibili al seguente link, ai fini della partecipazione alla procedura concorsuale dei soggetti esclusi.

Per coloro che abbiano presentato domanda di riconoscimento dell’abilitazione all’ insegnamento conseguita in Romania e che si siano visti opporre un provvedimento di rigetto dal Ministero impugnato tempestivamente e su cui non sia ancora intervenuto un provvedimento della Giustizia Amministrativa, possono aderire alla seguente tipologia di ricorso per rivendicare il diritto a partecipare alle prossime procedure concorsuali.

Visite oggi 39

Visite Globali 3136856